Benedetta

Il suo incontro con lo yoga avviene per caso in una palestra romana e il primo impatto col tappetino è colpo di fulmine immediato, una forte sensazione di pace mista a energia, la consapevolezza di essere finalmente a casa. Inizia, così, ad approfondire lo studio dei testi e a sperimentare vari stili di yoga, praticando con insegnanti italiani e stranieri (Scaravelli yoga con Benedetta Capanna, Prana flow con Simon Park, Yin Yoga con Biff Mithoefer e Marta Mezzino, Hari Yoga con Marco Mandrino, Vinyasa flow e Yoga per la donna con Rosalba Piarulli, Nada yoga con Sergio di Loreto,Tantric Hata yoga con Michael Stewart).
Si è diplomata presso la Scuola di Yoga per insegnanti Hari-Om, conseguendo il certificato di insegnante di livello avanzato (Yoga Alliance 500 ore).
Ha approfondito lo studio dell’anatomia frequentando i seminari di “anatomia e fisiologia del movimento applicato alla danza” organizzati dal dr Andrea Tiburzi e dall’Associazione Duncan 3.0.
Nel 2012 dall’incontro con Christian Muela, artista eclettico e musicista ispirato, nasce Do you YOGAdoo?, una pratica yoga in vinyasa sostenuta e accompagnata dalle vibrazioni e dai suoni dal vivo del didjeridoo, antico strumento degli aborigeni australiani.
Nell’estate 2014, dall’idea che yoga significa unione e dall’incontro con due amiche e colleghe, Antonella Wicki e Serena Icardi, nasce Shakti Power Flow: una pratica di vinyasa yoga a più voci, sintesi dell’unione di  tre differenti approcci, percorsi, esperienze, personalità.

Insegna a Roma al Pigneto presso l’Associazione Culturale Cambiapiano e a Trastevere presso Ryoga.

 

  • Appuntamenti

The rythm of the body, the melody of the mind and the armony of the soul create the symphony of life.
B.K.S. Iyengar